La saggezza dello yoga

Un libro bellissimo, carico di storia, miti e di tutta l’energia spirituale degli sramana,” coloro che ricercano assiduamente la verità”. Stephen Cope in La saggezza dello yoga (Ed Feltrinelli), ci porta a compiere un viaggio spirituale, alle radici degli Yoga Sutra di Patanjali, e lì scopriamo l’attualità del messaggio dello Yoga, nell’unione dell’essere con sè, “ciò che conta non è ciò che sai, ma come vivi”. “Il vero viaggio dell’esplorazione non consiste nel cercare nuovi panorami, ma nell’avere occhi nuovi”. Qui si avverte come asana e respiro permettano a ciascuno di assaporare il prezioso contatto con le radici del proprio essere (e nell’acroyoga, anche con-tatto con gli altri).

Riporto qui un bellissimo aneddoto del libro sulla pratica meditativa:

“Il mio maestro aveva disegnato un rettangolo di colore azzurro, incorniciato da un linea. Che cos’è questo? Mi aveva chiesto. Bè, maestro, chi avrebbe potuto saperlo? Bisognava indovinare. Forse era l’azzurro delle profondità marine. Forse era semplicemente azzurro.

Poi aveva aggiunto una piccola chiazza di verde nell’angolo, questa minuscola chiazza di suolo aveva fornito un contesto all’azzurro. Immediatamente apparve chiaro. “Oh naturalmente, ora vedo. E’ cielo!”. Questo pezzetto di suolo ci permetteva di vedere i nostri pensieri per ciò che sono: Oh questo azzurro è proprio il cielo della mente. Forse color azzurro, forse nuvoloso o tempestoso, tuttavia cielo.”

Una regolare pratica meditativa è proprio questo, aveva detto il mio maestro: “Ti dà una piccola zolla di suolo su cui stare, ogni giorno. Così sai dove ti ti trovi, e che cos’è cosa.”

Spero di aver stuzzicato la vostra ricerca di una vita straordinariamente ordinaria, buona lettura!

Valeria

One Reply to “La saggezza dello yoga”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.